Oms: le sigarette elettroniche meno tossiche delle ‘bionde’

OMS_5345b44b99bcfIeri tutti i telegiornali, oggi tutti i quotidiani. Nelle ultime ore siamo stati letteralmente bombardati con la notizia che l’Oms riterrebbe dannosa la sigaretta elettronica. I giornalisti più corretti hanno specificato che l’Organizzazione Mondiale della Sanità si riferiva soltanto alle donne incinte e ai bambini. Verrebbe da dire… ma è ovvio, anche un bicchiere di vodka è pericoloso se a berlo è un bambino piccolo. Purtroppo però quando si parla di sigarette elettroniche non c’è nulla di ovvio.

La cosa veramente triste comunque è che evidentemente, a voler pensare in buona fede, in pochi hanno letto il documento dell’Oms in questione (se volessimo ragionare sulla malafede dovremmo pensare che l’hanno letto e deciso di estrapolare soltanto una parte). Perché l’ente per la salute ha richiamato l’attenzione per la tutela dei minori e delle donne in gravidanza, come è giusto che sia, salvo poi aggiungere:

La ridotta esposizione a sostanze tossiche consentita dall’uso di inalatori di nicotina elettronici adeguatamente regolamentata e da adulti fumatori regolari in completa sostituzione di esposizione alla sigaretta, è meno tossica per il fumatore rispetto alle sigarette convenzionali o altri prodotti simili

Il punto è sempre lo stesso, da anni. La sigaretta elettronica è infinitamente meno nociva delle bionde tradizionali. Si demonizzano le ecigs mentre gli stessi attacchi non vengono fatti nei confronti delle sigarette tradizionali, sicuramente nocive, cancerogene e pericolose per la salute.

In pochissimi ieri hanno riportato anche questa parte del documento dell’Oms. Non l’hanno fatto i telegiornali, non l’hanno fatto le principali testate. Perché?

Pubblicato il 27 agosto 2014, in ControInformazione, Italiano con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: